Continui cambiamenti di strategia: un segno di debolezza o di forza?